Alcune considerazioni sul volume ‘Il gene del delitto. Indagini neuroscientifiche e teorie post lombrosiane’ di Alessandro Continiello

Abstract

Una volta lessi una bella riflessione sull’antiriduzionismo, anzi, per dirlo al positivo, un bel paragrafo su quello che potremmo denominare “pluralismo dimensionale” della persona umana. Su per giù l’autore spiegava come un soggetto come l’uomo possiede caratteristiche come il pensiero, la scelta libera, la capacità d’amare e quant’altro, che i “mattoni” che lo costituiscono (cellule, organi, sistemi biologici) non possiedono minimamente.

Articolo completo in pdf
Gli articoli pubblicati in Studia Bioethica sono proprietà della Rivista. Gli autori possono però diffonderli nei modi da loro ritenuti opportuni, citando i dati relativi alla loro pubblicazione nella Rivista.