Un interdetto è uno che non capisce niente

Abstract

Nei due casi che vengono presi in considerazione, in modi diversi, c’è un intreccio variamente combinato tra il “guasto” del cervello e il funzionamento psichico: la perdita del valore etico e della dignità della persona entrano in gioco là dove l’operatore confonde il malato con la malattia selezionando, volontariamente o involontariamente, i dati che raccoglie. Si viene a creare così una loro interpretazione “pilotata” per affermare un costrutto che si è formato in anticipo nella mente dell’operatore anziché arrivarci per deduzione.

Articolo completo in pdf
Gli articoli pubblicati in Studia Bioethica sono proprietà della Rivista. Gli autori possono però diffonderli nei modi da loro ritenuti opportuni, citando i dati relativi alla loro pubblicazione nella Rivista.