Un interdetto è uno che non capisce niente

Dignità della persona ed inferenza dell’operatore nelle valutazioni psichiatriche forensi

  • Alberto Passerini

Abstract

Nei due casi che vengono presi in considerazione, in modi diversi, c’è un intreccio variamente combinato tra il “guasto” del cervello e il funzionamento psichico: la perdita del valore etico e della dignità della persona entrano in gioco là dove l’operatore confonde il malato con la malattia selezionando, volontariamente o involontariamente, i dati che raccoglie. Si viene a creare così una loro interpretazione “pilotata” per affermare un costrutto che si è formato in anticipo nella mente dell’operatore anziché arrivarci per deduzione.

##submission.authorBiography##

Alberto Passerini
Medico psichiatra, Direttore della S.I.S.P.I., Milano – Roma
Pubblicato
2018-06-07
Sezione
Sezione Monografica - Articoli