Il gene del delitto

Abstract

Affascinante il titolo che l’Avvocato Continiello ha sviluppato nel suo volume oggetto del nostro incontro di alto profilo. L’Autore “ha maturato significative esperienze” scriveva Mara Martellotta nell’introduzione, prefigurando come ipotesi “se esistesse veramente una «mano invisibile» capace di incidere sulla capacità di intendere e di volere… lo stesso concetto di libero arbitrio verrebbe inevitabilmente minato”.

Mi permetto di presentare una piccola esperienza che mi è stata concessa nell’esercizio del mio ministero nell’ambito del Diritto Canonico. In altra occasione ho avuto modo di presentare i canoni che richiedono o aprono il contatto alle scienze psichiatriche e psicologiche.

Articolo completo in pdf
Gli articoli pubblicati in Studia Bioethica sono proprietà della Rivista. Gli autori possono però diffonderli nei modi da loro ritenuti opportuni, citando i dati relativi alla loro pubblicazione nella Rivista.